Mirko Sclano, vuota il sacco ad acroselle.it. Con la solita spontaneità con cui macina i chilometri in campo…
Mirko, secondo anno a Roselle, cosa ci racconti?
Ebbene si, per fortuna sono sempre qui. Cosa vi racconto? beh che sto benissimo in questa società e spero di rimanerci più a lungo possibile. Non credo esistano altre realtà come questa a questi livelli.
Che differenze hai notato con lo scorso anno?
Intanto è agli occhi di tutti il lavoro che è stato fatto dalla società questa estate e nel mercato di gennaio, con tutto il rispetto per i compagni che facevano parte della squadra dell’anno scorso ma adesso la rosa è senza dubbio composta da giocatori di qualità molto più elevata.
Per quanto riguarda il lato gestionale della società già dall’anno scorso ci veniva trasmessa la grande passione e serietà in primis del presidente, per non parlare  della grandissima dedizione che ci hanno sempre messo tutti i dirigenti, Mario Ceri, Maialino, Franco, il Pallari, Daniele.
Come non menzionare anche il campo da gioco che da quest’anno ci permette sicuramente di esprimerci al massimo, l’Uzielli di Paganico.Ritieni questo Roselle piu forte della Marsiliana dello scorso anno? E cosa ci dici del livello della categoria?
Si credo che sulla carta il Roselle di quest’anno sia più forte, mi sarebbe piaciuto vedere le due squadre a confronto. Sarebbe stata senz’altro una battaglia molto agguerrita.
Per quanto riguarda il livello delle squadre credo che al vertice sia aumentato, Massa Marittima, Montiano e Arcidosso sono 3 avversarie molto forti, mentre per la zona bassa della classifica il livello credo sia più basso dell’anno precedente.

Come reputi il tuo rendimento quest anno rispetto al campionato scorso?
Sono 2 stagioni un pò diverse tra di loro, all’inizio dell’anno scorso ho avuto qualche difficoltà a trovare spazio, partivo spesso dalla panchina e poco da titolare, mentre nella seconda parte della stagione sono diventato un titolare inamovibile probabilmente perchè sono cresciute le mie prestazioni. Quest’anno al contrario ho trovato da subito grandi spazi, sono partito spesso da titolare nonostante la rosa sia decisamente più ricca di giocatori di categoria superiori. Adesso vengo da 3 o 4 partite dove non gioco titolare ma sono sempre pronto a riprendermi il posto, non sono uno che si arrende facilmente.
Tutto sommato credo che il mio rendimento sia aumentato in questa stagione e questo credo che dipenda dalla grande esperienza di alcuni compagni di squadra che in campo non fanno altro che mettermi una immensa sicurezza.
Comunque non ci dimentichiamo che ancora mancano tante partite, c’è sempre tempo per migliorare ancora di più.

Sei impiegato ad intermittenza, nonostante questo non hai mai chiesto di essere ceduto…cosa ci dici?
Di certo non mi fa piacere essere escluso, anzi direi che la prendo anche abbastanza male anche se non lo lascio vedere, ma questo solo perchè ci tengo immensamente.
Non ho mai chiesto di essere ceduto perchè non ne vedo il motivo, il mister fa delle scelte e le fa in base a quella che secondo lui è la migliore formazione, fa le sue valutazioni di settimana in settimana e se non faccio parte dell’11 titolare in questo ultimo mese è perchè sicuramente non mi ritiene in forma come altri compagni e quindi è giusto che giochi chi sta meglio di me. Questo non vuol dire che mi rassegno o che mi faccio da parte, anzi cerco di impegnarmi di più e dare il massimo sia agli allenamenti che nei minuti di partita che ho a disposizione.

Ora il gruppo…meglio o peggio dello scorso anno?
Quest’anno mi sono sentito dire miglialia di volte da persone esterne al gruppo che questa squadra aveva “vita corta” perchè le persone che compongono lo spogliatoio, a detta sempre di esterni, erano degli spaccaspogliatoi.
Giunti a questo punto della stagione posso dire che si sbagliavano alla grande perchè mi sono trovato in un gruppo di persone che sa divertirsi ma anche lavorare in maniera molto dura. Posso dire che lo spogliatoio è composto da grandi persone e che sono decisamente onorato di farne parte. Quindi dico che è meglio quello di quest’anno.

Soddisfatto del tuo rendimento?
Non del tutto. Caratterialmente sono uno che non si accontenta, miro sempre al meglio e ancora la stagione non è finita quindi spero di migliorare ancora.

Per finire…incorona il tuo “scemo piu scemo” dello spogliatoio, in senso buono s intende!!
Non ci ho dovuto pensare nemmeno un secondo, lo “scemo e più scemo” della squadra è senz’altro Cristiano. Regala perle su perle e per di più con una spontaneità incredibile. Cypo sei un grande!!

Avanti a prenderci tutto ACR!!!

Share Button