ROSELLE: Cipolloni, Conti, Guidoni, Ferrini (Sclano), Artiaco, Maggio, Cosimi, Giallini (Roseti), Pedone, Ceri, Torti. A disp: Angiolini, Fanfani, Roseti, Nardi, Casalini, Gramazio. All Valleriani.

MONTALCINO: Caporali, Pignattai (Ginanneschi), Sestini, Pellegrino, Bernetti ,Coppi, Guidotti (Marini), Martelli, Ferretti, Machetti, Ciolfi. A disp: Meiattini, Monaci, Cecchini, Paccagnini, Ginanneschi, Bovini.

Marcatori:6′ Giallini, 24′ Pedone, 61′ Ferretti.

L’ACR ce l’ha fatta…al termine di una partita dai due volti accede meritatamente, per quanto mostrato nelle due partite, alla semifinale della Coppa Toscana di terza categoria. Serata primaverile quella di Paganico e pubblico finalmente numeroso con larga e rumorosa rappresentanza ospite. Pronti via e si capisce subito che il Roselle vuole andare avanti…Cosimi prende palla a centrocampo e avanza palla al piede, con un lancio millimetrico trova Ferrini che va sul fondo e mette indietro per l’accorrente Giallini che insacca…azione da manuale del calcio. L’ACR non si accontenta dell’avvio col botto e continua a macinare gioco, con un centrocampo in cui Ferrini e Torti dominano la scena e con un Conti in serata “tutto mio”. Corre il minuto 24 quando  su un rimpallo il pallone finisce fra i piedi di Pedone nel cerchio di centrocampo…il Bomber avanza inseguito da un avversario e una volta in area dribla anche il portiere e doposita in fondo al sacco. Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare!!! Al 40′ Giallini salta un avversario fuori area e dai 25 metri fa partire un tiro a girare che supera il portiere e coglie la base interna del palo….applausi. Il secondo tempo soffriamo un pò ed al 60′ il Montalcino su calcio d’angolo trova il gol con un puntuale Ferretti che incorna sottomisura e fa secco un Cipolloni più o meno bendato. Tocca ancora a Pedone inventarsi l’occasione buona per la doppietta personale, con mestiere copre un pallone vacante e si presenta davanti al portiere senese che neutralizza con bravura. L’ultima clamorosa occasione del Roselle capita sul piede di Cosimi dopo una galoppata di Sclano che dal fondo serve un assist da campione, il Golden Boy, strano ma vero, sbaglia a due passi dalla porta.Poi è sofferenza che però una grande squadra sa come affrontare. Giallini esce toccato duro ad una caviglia al suo posto un ottimo Roseti così come Ferrini che lascia il posto a Sclano dopo aver esaurito le batterie. Forcing finale del Montalcino che produce per fortuna solo poche apprensioni ed al 94′ l’ottimo arbitro Francia manda tutti sotto la doccia. Ora in semifinale ci attende il CS Lebowski ed il suo grande pubblico…ieri sera erano 1200 i paganti.

Cipolloni 6,5: Con quello che gli capita prima dell’inizio del match para praticamente “bendato” e nonostante tutto riesce a limitare i danni;

Conti 7,5: motorino inesauribile lavora duro sia a centrocampo che quando la pressione avversaria aumenta, in difesa, e lo fa con grinta ed inaudita intensità per tutta la partita;

Guidoni 7: Lui è un giocatore vero, gioca con la solita eleganza ed è efficace contro tutte le sortite avversarie;

Ferrini 7: Partita da incorniciare, si ammazza di lavoro a centrocampo e fornisce l’assist per il primo gol di Giallini. Peccato che le forze lo abbandonino dopo solo 60 minuti…al 60′ Sclano 6,5: un pò meno brillante del solito, forse il giocatore che avverte di più la pressione e sente la partita, il suo apporto è comunque più che sufficiente. Offre un assist al bacio a Cosimi che, purtroppo, non trasforma in gol;

Artiaco 7: Sempre efficace sugli avversari non sembra mai andare in difficoltà;

Maggio 6,5: Non bene come al solito forse sente troppo la partita. Perde stranamente qualche pallone che genera ripartenze avversarie. Quando si “registra” contribuisce in modo importante a mantenere inviolato il fortino;

Cosimi 7: Qualche serpentina da par suo, affonda ogni volta che un pallone passa dalle sue parti senza sottrarsi al sacrificio in aiuto ai compagni;

Giallini 7: segna un gol dopo 5 minuti, colpisce un palo al termine di una azione di quelle da mostrare ai bambini che si apprestano ad avviarsi al calcio, grande in fase propositiva, un pò meno quando si tratta di sacrificarsi per dar mano ai compagni in ripiegamento; al 70′ Roseti 6,5: Entra in campo quando c’è da soffrire e lo fa alla grande;

Pedone 7,5: Rientra dopo trenta giorni di stop per infortunio, chiede palla ai compagni e se servito non ne perde una…recupera una palla vacante a centrocampo e dopo 40 metri dribla anche il portiere prima di segnare il raddoppio, nel momento della sofferenza prende almeno sette otto punizioni a favore utili assai a spezzare la pressione…per finire con l’utilizzo del mestiere per procurarsi, su un pallone innocuo, l’occasione del raddoppio che il portiere neutralizza;

Ceri 6,5: Nel primo tempo tocca pochi palloni ma non fa mai cose inutili, si danna per dar sostegno in fase difensiva ma per quasi tutto il secondo tempo gioca con il dolore alla coscia che ne limita, chiaramente, il rendimento;

Torti 7: Primo tempo da infernale a fare la cerniere per tutta la mediana, cala, comprensibilmente, nella ripresa

Share Button