Al termine di una settimana lunga quasi un secolo, l’ACR ricomincia da dove era rimasto un paio di domeniche fà: dalla vittoria! Va detto che la partita vera è durata più o meno 35 minuti: dopo dieci l’ha sbloccata Cosimi con un tiro a girare dal limite dell’area, al 25′ Caruso raddoppia con un colpo da biliardo col pallone che tocca il palo e si insacca ed al 35′ le due espulsioni di La Rosa per proteste e Tiberi per “bestemmia” che lasciano il Santa Fiora in 9 e mettono la partita in naftalina. Fin lì, però, una sola squadra in campo, il Roselle, autoritario ad attaccare con le punte ed i centrocampisti ed a difendere ordinatamente. E’ apparso in netta crescita De Gennaro, Cosimi si è regalato una doppietta personale ed una buona gara e soprattutto non si è assistito ad alcuna gazzarra e battibecco tra compagni. dal 35′ in avanti si doveva comunque trovare un modo per far trascorrere quasi un ora nonostante la partita non avesse più niente da dire: Falciani ci mette la firma e, come detto Cosimi cala il poker intorno al 60′. Fino alla fine, poi, solo melina da ambo le parti.

Allievi: In mattinata era arrivata, invece, era arrivata una cocente delusione da Castiglione della Pescaia, dove la squadra allievi, in vantaggio, veniva rimontata e subiva un perentorio 4 a 2. La cosa che ha deluso, non è stato tanto il risultato, quanto l’atteggiamento superficiale con la quale la squadra ha approcciato al match. Nonostante le raccomandazioni del Mister che predicava umiltà dopo il buon pari contro la capolista, i ragazzi sono scesi in campo svagati e con la testa più al pari della domenica prima che per provare a vincere la partita. Ora sia chiaro, si possono perdere anche tutte, ma non certo per presunzione. Speriamo che i ragazzi ne facciano tesoro soprattutto per il loro percorso di crescita umana e calcistica.

Juniores: Sabato pomeriggio era di scena la juniores a Braccagni. La squadra, pur vincendo, conferma il proprio momento di generale appannamento. A guardarla sembra confusionaria, arruffona, e con poche occasioni da gol create. Una vera involuzione rispetto alle prime gare dove l’ACR aveva entusiasmato per ritmo e fantasia ed aveva creato tantissime occasioni da gol. Rocco Crea avrà il suo bel da fare visto che anche per questa squadra l’obiettivo era e resta la vittoria finale.

Share Button