Che la partita di oggi sarebbe stata difficile lo sapevamo, ma oggi al 80′ in più di uno tra il pubblico avrebbe scommesso che l’incontro sarebbe finito come era iniziato…0 a 0. Un Roselle bruttino quello di oggi, che ha affrontato un ottimo Saurorispescia, tonico, aggressivo e quadrato. Nel primo tempo il Roselle non fa registrare neanche un tiro nella porta difesa dall’ottimo Ginanneschi. Di contro i rossoneri si rendevano pericolosi due volte su altrettante punizioni battute alla grande dal solito Ottobrino. In entrambe le circostanze Cipolloni volava per togliere le castagne dal fuoco. De Masi strigliava i suoi all’intervallo ed al rientro il Roselle sembrava più determinato. La banda Papa, di contro, non mollava una virgola e riusciva a ribattere colpo su colpo. Al 55′ è Ginanneschi a metterci il piedone per respingere una conclusione da due passi di Rosi. Qualche istante dopo è il Sauro a gridare al gol su un colpo di testa a botta sicura sul quale Cipolloni si superava e salvava la sua porta. Tra il 65′ e il 75′ il Roselle pare prendere in mano la partita, creando una palla gol che Cosimi toglie dal piede a De Gennaro e spara alto e con un paio di cross non sfruttati dagli avanti. Il Sauro affidava le sue velleità al piede fatato di Ottobrino che due volte, su altrettante punizioni, impegnava severamente Cipolloni. Corre il minuto 81 quando, da corner di Falciani, irrompe De Gennaro sottomisura che infila l’incolpevole Ginanneschi. La partita corre via senza sussulti fino alla fine e l’ACR, in una giornata poco brillante, strappa tre punti di platino per proseguire nel suo cammino. Due parole di elogio merita spenderle per gli avversari. Il Saurorispescia visto oggi merita senza dubbio ben altra classifica. Ciro Papa ha schierato un ottima squadra, due centrali esperti come Capitani e Grascelli di fronte ad un ottimo e giovane portiere come Ginanneschi, un centrocampo dove Greco e Mollo ringhiavano e mordevano contro tutti ed il solito pericolosissimo Ottobrino avrebbero meritato sicuramente un altro risultato. Per l’ACR sugli scudi super Cipo, miracoloso in almeno due interventi e De Gennaro che oltre al gol firmava una prestazione di grande spessore sia per quantità che per qualità. Grande gioia nello spogliatoio biancoazzurro a fine gara, nella consapevolezza che portare a casa i tre punti in partite come questa vale veramente doppio! Avanti ACR!

Share Button